Regolamenti

A seguito della forte attività del vulcano, che ha avuto inizio nel 2002 con il maremoto ed è proseguita con le esplosioni parossistiche del 2003 e del 2007, dal 2005 l’accesso è regolamentato.

Anche la rete sentieristica, realizzata dal Dipartimento della Protezione Civile e dall’Azienda delle Foreste Demaniali della Regione Siciliana, è stata riorganizzata: l’accesso ai sentieri è libero al di sotto dei 400 metri slm. Oltre tale altezza è obbligatorio essere accompagnati dalle guide alpine o vulcanologiche autorizzate. L’accesso al vulcano si svolge su un sentiero progettato ex-novo più sicuro e agevole rispetto ai sentieri che si utilizzavano precedentemente

La nuova regolamentazione (per informazioni: www.protezionecivile.it) permette un numero limitato di partecipanti: i gruppi non possono essere formati da più di 20 partecipanti e non più di ottanta persone possono sostare contemporaneamente sulla cima del vulcano. La guida, prima dell’inizio dell’escursione, fornisce al COA e alla Stazione dei Carabinieri di Stromboli l’elenco delle persone accompagnate, il percorso, l’orario di partenza e quello di rientro previsto.

Prima dell’escursione ogni partecipante deve firmare una liberatoria in cui dichiara di essere al corrente del fatto che la salita al vulcano comporta comunque un certo grado di rischio (esplosioni maggiori o frane improvvise).